corsa-miguel

Pronti, partenza, via… torna la 18^ edizione della Corsa di Miguel

corsa-miguel

Dal piazzale della Farnesina attraversando il lungotevere Cadorna fino a Ponte Milvio, scendendo sulla ciclabile di via Capoprati per arrivare al Parco del Foro Italico e, infine, giungere alla meta; lo Stadio Olimpico. Una gara tra le vie di Roma che va oltre il divertimento e la competizione. E’ la 18^ edizione della Corsa di Miguel, presentata lo scorso 18 gennaio al Foro Italico, che si terrà a Roma il 29 gennaio alle ore 9.30. Dieci chilometri dedicati a Miguel Benancio Sanchez, podista e poeta vittima del regime militare argentino.

Era la notte tra l’8 e il 9 gennaio di 1978 a Buenos Aires quando una Ford Falcon nera si fermò davanti casa di Miguel e uno squadrone paramilitare lo portò via davanti agli occhi di sua sorella, Elvira. Miguel aveva soltanto 25 anni, sognava di correre alle Olimpiadi e diventare professore di educazione fisica. Oggi, invece, è uno dei trentamila desaparecidos della dittatura militare argentina.

A dare vita alla Corsa di Miguel, che quest’anno giunge alla XVIII edizione, è stato il giornalista Valerio Piccioni in seguito ad un viaggio in Argentina con il quale scoprì la storia di Miguel e pensò che bisognava ricordarla, farne un simbolo e un appuntamento per affermare i diritti individuali e la libertà. E così è stato, attualmente, la corsa di Miguel si svolge non solo a Roma ma in tanti altri paesi, tra cui Argentina, Stati Uniti e Spagna e, negli ultimi anni, ha raggiunto il record italiano di iscritti per una corsa su strada agonistica su questa distanza, oltre 8.000 persone nel 2016.

L’edizione di quest’anno sarà organizzata dal Club Atletico Centrale di Roma con il patrocinio di Roma Capitale, della Regione Lazio e la collaborazione dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia e di quella presso la Santa Sede e avrà diverse novità tra cui l’iniziativa all’aiuto delle popolazioni colpite dai terremoti dello scorso 24 agosto e del 30 ottobre. Infatti, quest’anno, a indossare il pettorale numero uno della Corsa di Miguel sarà Samuele Grasselli, fondatore dell’associazione “Io non crollo” e mezzofondista di Camerino, comune della provincia di Macerata. Inoltre, attraverso l’organizzazione di diversi pullman, arriveranno a Roma gli studenti di Amatrice e di Norcia, e i podisti della provincia di Macerata. A tutti i partecipanti verrà regalata una bandana con i nomi dei comuni colpiti dal terremoto.

Sarà una gara per tutti e, come negli anni passati, per i non competitivi e per quelli che amano passeggiare, ci saranno anche in programma due gare non competitive; la 10 chilometri, che seguirà lo stesso percorso della gara competitiva ma con partenza in coda al gruppo dei podisti, e la “Strantirazzismo”, per dire no a qualsiasi forma di discriminazione, di 4 chilometri che partirà, invece, alle ore 10.45 dal Ponte della Musica.

Una giornata, dunque, nella quale non solo si corre per la memoria di Miguel, ma anche per il futuro delle popolazioni colpite dai terremoti.

Per info e iscrizioni, sia alla competitiva che alla non competitiva: www. lacorsadimiguel. it

 

Cristina Diaz
24/01/2017

Leggi anche: