Decreto Flussi 2018: come si presenta la domanda

Grazie al Decreto Flussi 2018 del 15 Dicembre 2017, 30.850 cittadini non appartenenti alla Comunità Europea potranno essere ammessi in Italia per motivi di lavoro:

  • dipendente (subordinato) stagionale 
  • dipendente non stagionale 
  • lavoro autonomo.

Decreto Flussi 2018: lavoro non stagionale e lavoro autonomo

12.850 saranno i cittadini non appartenenti alla Comunità Europea ammessi per lavoro dipendente non stagionale e lavoro autonomo:

  • 500 cittadini stranieri residenti all’estero, che abbiano completato programmi di formazione e istruzione nei Paesi d’origine;
  • 100 lavoratori di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado in linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile.
  • È autorizzata la conversione in permessi di soggiorno per lavoro subordinato di:
    – 4.750 permessi di soggiorno per lavoro stagionale;
    – 3.500 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale;
    – 800 permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione europea.
  • È autorizzata la conversione in permessi di soggiorno per lavoro autonomo di:
    – 700 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale;
    100 permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione europea;
    – 800 permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione europea.
  • 400 cittadini per lavoro autonomo e residenti all’estero, appartenenti alle categorie: imprenditori con un investimento proprio inferiore a 500.000 euro e la creazione almeno di tre nuovi posti di lavoro; liberi professionisti; titolari di cariche societarie di amministrazione e di controllo; artisti di chiara fama o di alta e nota qualificazione professionale; cittadini stranieri che intendono costituire imprese start-up innovative.

Decreto Flussi 2018: lavoro stagionale

18.000 cittadini extracomunitari potranno entrare in Italia per motivi di lavoro dipendente (subordinato) stagionale.

  • Potranno presentare domanda 16.000 cittadini provenienti da Albania, Algeria, Bosnia-Herzegovina, Corea (Repubblica di Corea), Costa d’Avorio, Egitto, El Salvador, Etiopia, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Filippine, Gambia, Ghana, Giappone, India, Kosovo, Mali, Marocco, Mauritius, Moldova, Montenegro, Niger, Nigeria, Pakistan, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Sudan, Tunisia, Ucraina.
  • 2000  posti sono riservati a lavoratori che hanno già fatto ingresso in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale almeno una volta nei cinque anni precedenti e per i quali il datore di lavoro presenti richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale

Decreto Flussi 2018: come presentare la domanda

Le domande per tutti i tipi di lavori possono essere presentate online sul sito https://nullaostalavoro.dlci.interno.it.
Ecco come fare passo dopo passo.

1° passo: registrazione

Per prima cosa è necessario registrarsi sul sito https://nullaostalavoro.dlci.interno.it.
Cliccare in alto a sinistra su “Effettua registrazione”.
Si aprirà una nuova pagina,  per registrarsi, occorre dare le seguenti informazioni:

  • Nome
  • Cognome
  • Data di nascita
  • Email
  • Password di accesso
Decreto Flussi
Decreto Flussi: registrazione

Prima di cliccare su “Invia” è importante ricordarsi di inserire i 5 caratteri di controllo (nel riquadro con lo sfondo rosso).
Se tutto è andato bene arriverà un’email di “conferma registrazione”.

2° passo: il modulo da compilare

Si aprirà una nuova pagina: sul menù di navigazione a sinistra:

  • cliccare su “Sportello unico immigrazione
  • poi cliccare su “Richiesta Moduli”.
Decreto flussi
Decreto Flussi: richiesta modulo

Scegliere il modulo in base alla categoria di lavoro cui si appartiene:

  • Modulo C per lavoratori dipendenti (subordinati) stagionali
  • Modulo A e B per i lavoratori di origine Italiana residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile;
  • Modulo BPS per lavoratori che hanno partecipato a programmi di formazione e di istruzione nei Paesi di origine
  • Modulo LS conversioni dei permessi di soggiorno della Comunità Europea per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’UE in permesso di lavoro subordinato;
  • Modulo LS1 richiesta di Nulla Osta al lavoro domestico per stranieri in possesso di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
  • Modulo LS2 conversioni dei permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’UE in lavoro autonomo
  • Modulo VA conversioni dei permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale in permesso di lavoro subordinato;
  • Modulo VB conversioni dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale in lavoro subordinato;
  • Modulo Z conversione dei permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale in lavoro autonomo.

Cliccare sul Modulo scelto per compilare la domanda.

3° passo : come compilare la domanda e inviarla

È importante compilare tutti i campi richiesti.
In caso di errore il sistema segnalerà il campo mancante.
In caso di dubbi si può seguire il manuale “Istruzioni di compilazione” specifico per ogni modulo, che si può scaricare cliccando in basso a sinistra nel menù a sinistra.

Decreto Flussi
Decreto Flussi: compilazione domanda

Compilata la domanda,  cliccare su “invia”.
Per visualizzare lo stato dell’invio della domanda clicca su https://nullaostalavoro.dlci.interno.it, entra nell’area personale.

Silvia Costantini
(7 febbraio 2018)

Leggi anche: