Welcome: storia di un ragazzo curdo e dell’uomo che gli insegnò a nuotare

 
Calais, snodo commerciale nel quale confluiscono camion da tutta Europa diretti verso il Regno Unito. E’qui che si ammassa un’umanità brulicante composta da clandestini che tentano di varcare la frontiera per inseguire il miraggio di una nuova vita in Inghilterra. Ed è qui che arriva Bilal giovane curdo partito da Mossul con il sogno di attraversare la Manica per raggiungere la fidanzata a Londra. Scoperto mentre tenta di imbarcarsi su un traghetto nascosto nella stiva di un camion, Bilal opta per la più utopica e avventurosa delle soluzioni: cercare di attraversare a nuoto la striscia di mare che lo separa dalle coste inglesi. Determinato nel perseguire il suo progetto, come solo chi è giovane e innamorato sa essere, il ragazzo riuscirà a convincere Simon, istruttore di una piscina comunale, a insegnargli a nuotare. E’ così che matura l’amicizia tra l’uomo, ancora profondamente innamorato della moglie che lo ha da poco lasciato e il ragazzo, un sentimento che costringerà l’istruttore di nuoto a specchiarsi nell’amorevole tenacia dimostrata dal giovane e a trovare la spinta per uscire dalla staticità emotiva in cui è rimasto incastrato.Il regista Philippe Loiret,polemizza duramente con la nuova legge sull’immigrazione che persegue qualunque cittadino francese decida di dare ospitalità a un clandestino. Ci mostra come il disprezzo e la paura nei confronti di chi è straniero attecchiscano soprattutto in contesti nei quali si è verificato un progressivo disgregarsi delle relazioni sociali e del senso di appartenenza ad una comunità. Paradigmatica, in questo senso, la scritta Welcome in bella mostra sullo zerbino dell’odioso vicino di casa di Simon, visibile dopo che questi ha minacciato di denunciare i due protagonisti. Viene naturale chiedersi, in questo quadro, se affidarsi all’iniziativa e al coraggio dei singoli non rimanga l’unica speranza

Irene Ricciardelli
(16  giugno 2010)


Welcome
Regia: Philippe Lioret
Sceneggiatura: Emmanuel Courcol , Olivier Adam , Philippe Lioret
Fotografia: Laurent Dailland
Montaggio: Andréa Sedlackova 
Musiche: Armand Amar
Protagonisti: Vincent Lindon, Firat Ayverdi, Audrey Dana, Derya Ayverdi, Thierry Godard, Selim Akgul, Firat Celik, Murat Subasi, Olivier Rabourdin
Nazione: Francia, 2009
Produzione: Nord-Ouest Films, Studio 37, France 3 Cinema, Mars films, Fin Aout Productions
Distribuzione: Teodora Film
Durata:110 minuti