World of fashion, crocevia di un incontro all’IILA

Elvio Acevedo e Lisbeth Camargo. “Condividere, interagire, dialogare: in un mondo sempre più globalizzato”, è stato questo l’obiettivo dell’undicesima edizione di World of fashion che si è svolto anche quest’anno all’ILLA in un ambiente di grandi specialisti e amanti della moda sud-americana. Nuovi volti della moda hanno presentato i loro lavori portando l’originalità e le caratteristiche del loro paese: dall’Argentina lo stilista Elvio Acevedo ha presentato i suoi lavori insieme alla stilista colombiana Lisbeth Camargo. Per lo stesso evento modelle professioniste – molte di loro venivano dalla Romania – hanno sfilato davanti a oltre 600 persone al hotel St. Regis di Roma, dove tantissime personalità del mondo della moda sono state premiate. Questo dialogo tra le culture è iniziato nel 2008, dall’idea dell’organizzatore Nino Graziano Luca di curare Oriental, per far incontrare il mondo orientale con quello occidentale attraverso i linguaggi della moda e delle arti. Dal 2012, il dialogo tra le culture si è ampliato per accogliere al proprio interno altre voci dal mondo, specialmente da quello latino-americano con Emma Viedma Paoli, presente con la collezione Pierrot e Carlos Arturo Zapata con la sua collezione contrassegnata da grazia e personalità.

Lo show-room party di Alta Moda Roma all’IILA vuole promuovere gli stilisti e l’arte latino-americana: “Portare la nostra moda a Roma e un progetto per cui stiamo lavorando da due anni”, dice Ino Mantilla, top-model colombiana che ha sfilato e , una degli organizzatori dell’evento. “In Italia si parla poco del settore moda-cultura dell’America Latina, per questo sostengo personalmente questo progetto con un unico scopo: dare l’opportunità agli stilisti di essere conosciuti e apprezzati anche nella penisola”. Gli abiti colorati e pieni di vitalità dello stilista argentino Elvio Acevedo hanno incantato il pubblico insieme alla collezione di abiti da sposa della colombiana Lisbeth Camargo, che ha chiuso la sfilata con due abiti da sera, la sua bravura è stata confermata dalla sua collaborazione con la maison de Le Sorelle Fontana. “La collezione è ispirata a Cordoba, la mia città con i numerosi fiumi e la natura prepotente che io traduco in colori diluiti come il verde, l’azzuro e colori floreali”, dice Elvio Acevedo. All’evento, sostenuto anche dall’Accademia Italiana Estesia, hanno partecipato l’Ambasciata della Colombia e dell’Argentina.

World of fashion permette agli stilisti di incontrarsi, familiarizzare e condividere esperienza, realtà e gusti. “La novità dell’undicesima edizione è legata alla presenza dell’argentino Elvio Acevedo che io stimo molto perché è esigente come me”, racconta l’organizzatore Nino Graziano Luca. Altri ospiti sono i giovani stilisti Azzura di Lorenzo con l’Alta Moda Mare, Erasmo Fiorentino, Ivan Donev con l’Alta Moda bulgara e la collezione moda uomo Nat by Natalia Rinaldi, innovativa nei tessuti e nei dettagli, con l’uomo contemporaneo, attuale, che si vede sulle strade di Copenhagen, Milano, Londra. “Lo scouting per World of fashion avviene così: io prendo l’aereo e vado nel mondo a vedere questi creativi che mi sono stati segnalati o mi hanno incuriosito su internet. Alcuni sono più ricettivi e vorrebbero collaborare con noi, altri magari no. La selezione alla fine e molto importante: scegliere con accuratezza. Il nostro obiettivo non è vendere ma mostrare, creare una vetrina di quello che è il gusto italiano ed internazionale. Anche se mi risulta che molti degli stilisti con gusti europei hanno venduto tutta la collezione lo scorso gennaio e hanno dovuto replicare gli abiti”. Approfondire la cultura di un popolo o di un’area geografica è il primo passo. Solo così, liberandosi da sovrastrutture o da idee preconcette, sarà possibile dialogare ed addirittura auspicare scelte di condivisione.

Raisa Ambros
(18 luglio 2013)

Foto di Jairo Mantilla Jimenez

Leggi anche:

Zapata e Viedma: eleganza e calore a The World of Fashion
IILA presenta i grandi autori sudamericani under40

Ieri accoglienza, oggi integrazione, domani inclusione

Incontri di cultura e vino de honor all’IILA