Festival del Pakistan: il fotoracconto

Festival del Pakistan 2015 a Roma
Nell’ultima giornata di questa afosa estate 2015 le porte dell’ambasciata del Pakistan, in via della Camilluccia a Roma, si sono aperte per accogliere come ogni anno visitatori di tutte le nazionalità e far loro apprezzare le meraviglie del paese asiatico.

Metre dolci note malinconiche si alternano ai ritmi incalzanti delle percussioni è possibile perdersi tra i mille colori dei prodotti d’artigianato: porcellane decorate con motivi orientali, sculture in legno, pachemine e abiti variopinti.
Brillano al sole centinaia di churiyuan, bracciali a cerchio che rappresentano un accessorio molto amato dalle donne in Pakistan, mentre poco più in là mani e braccia vengono arabescate con tatuaggi all’hennè.

All’interno della residenza è possibile perdersi tra le calde sfumature degli abiti tradizionali, alternati a pitture e stoffe.

Le donne vestite a festa sfoggiano con eleganza a-line frock, shalwarkamecz o shafoon-licani, abiti lunghi dalle ampie gonne o tuniche da adagiare sopra pantaloni che, nelle varianti ispirate alla moda occidentale, sono più aderenti alle gambe.

Sulla terrazza esperti e appassionati di tutte le età sfidano il debole vento nel tentativo di far decollare aquiloni di tutti i colori.

Una giornata speziata dai sapori del kebab, del biryani, del chicken tikko, dell’halua puri. Dal riso alle polpette di ceci, dal pollo arrostito e piccante ai dolci a base di olio vegetale, al thé corposo simile a un latte macchiato.

Splendono sorrisi negli occhi screziati di verde dei padroni di casa, felici di condividere le gioie della propria cultura, e in quelli degli ospiti, che per un giorno hanno vissuto l’atmosfera più autentica del Pakistan.

Foto di Adamo Banelli, Gabriele De Bonfils, Sandra Fratticci, Joyce Placer, Giuseppe Marsoner.

Guarda la galleria fotografica completa su Flickr