Imparare l’italiano con il centro estivo Piuculture

Imparare l'italiano
Imparare l’italiano? Arriva il centro estivo Piuculture

Tempo d’estate e di vacanze, di bagni al mare – se il clima impietoso ce lo permetterà – e di riposo dalla scuola. Ma per i bambini stranieri da poco arrivati in Italia trascorrere 3 mesi lontano dai banchi significa vanificare parte degli sforzi compiuti durante l’anno scolastico per imparare l’italiano.
E allora arriva il centro estivo Piuculture: via quaderni e astucci, spazio al gioco e al teatro, per apprendere la lingua in modo divertente e fare amicizia con bimbi filippini e indiani, etiopi e peruviani, rom e italiani.

L’iniziativa, finanziata attraverso il bando SocialMente del Cesv, Centro di servizio per il volontariato del Lazio, rappresenta un completamento delle attività di supporto linguistico realizzate da Piuculture nelle scuole del secondo municipio di Roma per favorire l’integrazione degli alunni stranieri. “Il progetto interesserà circa 20 bambini dai 7 agli 11 anni” spiega Antonella Trezzani “Molti di loro hanno iniziato a frequentare nel mese di settembre e non conoscevano una parola di italiano. Per questo abbiamo pensato di organizzare un centro estivo che gli permettesse di rafforzare la lingua appresa in classe e di trascorrere del tempo insieme ai compagni in un contesto diverso, più amichevole e coinvolgente”.

Cesv centro di servizio per il volontariato del lazio
Il centro estivo è finanziato attraverso il bando SocialMente del Cesv Lazio

Alle attività di gioco libero e organizzato promosse dalle volontarie Piuculture si affiancherà il laboratorio di teatro tenuto da Emilia Martinelli dell’associazione culturale Fuoricontesto: “Il laboratorio punterà alla formazione del gruppo, a far lavorare i bambini insieme, anche con il corpo. Poi, attraverso l’approccio del teatro immagine, ricostruiremo un testo o una storia inventata dando vita ad una sorta di fotoromanzo. Nel mese di settembre presenteremo una performance che unirà la proiezione delle immagini e una parte dal vivo, principalmente di movimento”.

Il centro estivo partirà il 13 giugno alla scuola Mazzini e avrà una durata complessiva di 4 settimane – 3 a giugno e 1 a settembre. “I ragazzi ai quali l’abbiamo proposto hanno aderito con entusiasmo” racconta Trezzani, che seguirà i piccoli insieme a Paola Piva, Renata Buonomo e alle giovani volontarie Francesca Moar e Silvia Maiella. “Abbiamo visto la gioia dei bambini all’idea di continuare a lavorare con noi e stare con altri bambini, di non mollare il percorso che hanno iniziato per imparare l’italiano ”.
Ancora una volta lo slancio delle volontarie Piuculture ha colpito nel segno e, sapendo cosa sono capaci di fare, non vediamo l’ora di entrare anche noi alla scuola Mazzini per seguire questa nuova avventura.

…Continua…

Sandra Fratticci
(6 giugno 2013)

Leggi anche:
Supporto ai bambini stranieri: un lusso che ci piace coltivare
Cooperazione a più livelli per una scuola realmente inclusiva
Bimbi Piuculture: quando lo zaino è più pesante
Bambini rom, studiare tra gli sgomberi
La primavera alla Guido Alessi, nell’aula con Piuculture