Dalla tradizione fino a Drake: The Mystery Of The Bulgarian Voices

Arriva a Roma un evento fuori dal comune, con la collaborazione dell’Istituto di Cultura Bulgara, il 9 dicembre all’auditorium parco della musica, si esibiranno The Mystery Of The Bulgarian Voices & Lisa Gerrard.

Il coro è stato fondato nel 1952 ed è formato da 24 cantanti provenienti dalle zone rurali della Bulgaria, a cui, dopo essere stati scelti, viene insegnata la tradizione della musica popolare bulgara, risalente ai tempi degli imperi bizantino e ottomano.

A vent’anni di distanza dall’ultimo disco, tornano sui palchi per l’uscita del progetto BooCheeMishche vede la partecipazione di Lisa Gerrard, cantante australiana nota per aver fondato i Dead Can Dance e per le prestigiose collaborazioni con Hans Zimmer (Il Gladiatore, Insider) ed Ennio Morricone (Fateless).

The Mystery Of The Bulgarian Voices
The Mystery Of The Bulgarian Voices

La particolarità di BooCheeMish è la perfetta commistione fra tradizione e modernità, infatti vi si alternano brani originali scritti dal compositore Petar Dundakov e riarrangiamenti di canti del folklore bulgaro con percusionni, archi e drum machine.

Petar Dundakov
Petar Dundakov

Dundakov racconta che “L’idea iniziale è partita da “Schubert music”, i produttori discografici dell’album, che mi hanno invitato a diventarne il compositore ed il produttore musicale. La loro idea sin dall’inizio era quella di invitare a partecipare un artista di fama internazionale. Nel corso del lavoro ci siamo resi conto che non esisteva scelta migliore di Lisa Gerrard, che si è rivelata il collaboratore più organico dal punto di vista artistico e musicale. Il legame virtuoso tra la voce di Lisa e quella delle cantanti si è andato raffinando durante tutte le composizioni.”

Negli anni il coro ha ricevuto apprezzamenti illustri, tra gli altri, da Paul Simon, Sandy Denny, Frank Zappa, Crosby, Stills & Nash e The Grateful Dead. Nel 1988 con la riedizione dell’album, vince il Grammy nella categoria Best Traditional Folk Recording. Vanta più di 1250 concerti fuori dai confini nazionali e collaborazioni con Elizabeth Fraser dei Cocteau Twins, U2 ,Drake e in Italia con Elio e le storie tese.

The Mystery Of The Bulgarian Voices è una realtà che ha profonde radici nella tradizione ma che contemporaneamente rimane sempre attenta ed aperta alle novità, ricorda Dundakov “Un altro contributo importante è stato quello del beatboxer Skiller (due volte campione mondiale di beatbox), la cui partecipazione ci ha permesso di intrecciare un sound più moderno che però parte sempre dal mistero della voce umana. In questo senso al centro dell’album BooCheMish sta proprio l’unicità della voce umana e la possibilità che essa ci dà per creare nuovi intrecci di timbri. 

Un’opportunità da non perdere quella del 9 dicembre alle 21:00 all’auditorium parco della musica (Sala Sinopoli) per assaggiare il mistero delle voci bulgare con Lisa Gerrard nell’unica data italiana.

Damiano Zannetti
(4 dicembre 2018)

Leggi anche: