Infomigranti…non è che l’inizio

Foto di Veronica Adriani
Foto di Veronica Adriani

I sedici giovani, selezionati per Infomigranti, si sono incontrati a Roma il 6 febbraio presso la redazione di Piuculture. 
Le due ore passano velocemente.
Si combinano storie, percorsi di vita, aspirazioni e un elemento che prevale su tutto, la diversità.

Una diversità che aggrega, crea un’atmosfera piacevole e scardina stereotipi e luoghi comuni.
A seguito della presentazione del laboratorio e di Piuculture, viene chiesto ai partecipanti di raccontare il proprio vicino/a dopo essersi intervistati a vicenda. Si respira un pizzico di imbarazzo, ma risulta essere il metodo giusto per rompere il ghiaccio e percepire il senso del percorso che si accingono a cominciare. Il momento delle reciproche presentazioni si rivela un viaggio continuo e infatti si vola a Cuba, in Siria, poi in Ucraina e in Madagascar, si arriva in Brasile per poi tornare nel continente africano passando per Angola, Eritrea, Egitto e Tunisia, un nuovo cambio di rotta ed ecco la Moldavia e l’Albania, la Cina e il Bangladesh.

Il mondo, o quasi, in una stanza.
C’è un minimo comune denominatore, l’Italia. E’ proprio qui, tra lavoro e università, che le vite dei partecipanti al corso si svolgono.
Ciò che più emerge in questo primo giorno è come l’identità nasca dall’incontro di culture e non da lacerazioni e chiusure.
Infomigranti è un laboratorio di giornalismo multiculturale che darà la possibilità ai partecipanti di alternarsi fra teoria e pratica, apprendere tecniche di scrittura giornalistica per il web, incontrare e raccontare le comunità immigrate che insieme a quelle autoctone formano il tessuto di una Roma meticcia e cosmopolita.
Piuculture sfida per il secondo anno i cliché dell’informazione, uscendo da schemi mentali e sociali, valorizzando l’interculturalità e puntando sulla formazione come carta vincente.

Sara Gomida

(18 febbraio 2016)

Leggi anche:

Infomigranti, seconda edizione. Nuove voci, nuovi volti
INFOMIGRANTI, ultimate le selezioni, al via la seconda edizione