Edizioni Q: l’arte di narrare e raccontare altri paesi

Jpeg

Con uno stand di libri pubblicati, un buffet di dolci e del thé caldo, la casa editrice Edizioni Q ha presentato il suo progetto editoriale, sabato 20 Febbraio in via Ostiense. L’idea del progetto è far conoscere agli italiani “coloro che producono cultura, nel nostro caso letteratura, ma in generale arte di tutti tipi” racconta Wasim Dahmash, docente e traduttore palestinese nato in Siria. In Italia insegna lingua e letteratura araba all’università di Cagliari ed è direttore della collana Zenit.

In merito al settore editoriale di Edizioni Q è Dahmash stesso a raccontare che “Edizioni Q è una cooperativa editoriale che all’inizio intendeva occuparsi di letterature che non avevano e non trovano spazio nel mercato editoriale italiano. La maggior parte degli autori provengono dalla Palestina e dall’area siro – mesopotamica, ad esempio Sa‘dallah Wannus, autore siriano molto importante, assolutamente sconosciuto in Italia, e un libro di racconti di otto autrici indiane musulmane, che rappresentano una sorta di percorso socio-storico in India e in Pakistan nel ’900. Non solo, abbiamo realizzato anche alcune puntate su letterature asiatiche e africane che sono sconosciute al grande pubblico, .

La casa editrice si compone di tre collane diverse: Zenit, Universitaria e Libri di Q. “Nella collana Zenit, la maggior parte degli autori sono palestinesi nati in Siria e non solo ma da tutta l’area siro – mesopotamica. Perché ci sembra che, soprattutto adesso, sia importante far conoscere quella zona, da una prospettiva diversa e dal punto di vista dalla vita reale, di un vissuto quotidiano, per mostrare come possa essere una vita normale” chiarisce Dahmash.

Nel corso dell’evento hanno portato il loro contributo anche Vera Pegna co-autrice di “Le vittime Ebree del Sionismo” di Ella Shohat. Si tratta di un libro “dedicato alle ripercussioni che la fondazione dello Stato d’Israele ha avuto sulle comunità ebraiche orientali” e racconta di coloro che hanno abbandonato i loro paesi per andare a vivere in Israele.  Simonetta Lambertini ha invece curato un libro di genere decisamente diverso, Libro gioco con la Picola Lanterna di Ghassan Kanafani, per bambini dai due anni in su, una favola gioco che “prende per mano il bambino e lo accompagna in un viaggio fatto di colori, luci e fantasia che lo porterà a far parte della storia”.

Nella serata a Via Ostiense è intervenuto un pubblico diversificato fatto di studiosi, studenti e appassionati, interessati ed incuriositi da una realtà editoriale piccola ed attenta alle tematiche che affronta “siamo sul mercato da circa tredici anni grazie ai nostri affezionati lettori. Sino ad ora abbiamo pubblicato quarantadue libri”. Il circuito di distribuzione comprende librerie di settore, associazioni culturali ma anche ordinazioni online tramite edizioniq.it, per ampliare sempre più la sua rete di lettori e raccontare storie nuove, diverse.

Ghiath Rammo

(3 marzo 2016)

Leggi anche:

MedFilm Festival 2015: giuria ufficiale premia la libanese Lamia Joreige, Piuculture sceglie Mountain

займ на карту онлайн круглосуточно rusbankinfo.ru