Torna l’aurora boreale a Roma all’Equilibrio Festival 2019

Memory di Mats Ek(performance image from Dance for Haiti,Dansens Hus 2010)
Memory di Mats Ek Equilibrio Festival 2019(immagine da Dance for Haiti,Dansens Hus 2010)

Sono passati 160 anni da quando a Roma fu possibile assistere all’insolito spettacolo, per questa latitudine, dell’aurora boreale. Dal 10 febbraio la magia dell’aurora boreale si ripeterà al Auditorium parco della Musica sulla cupola della sala Sinopoli  dove si potrà godere  in live streaming, dalla Lapponia finlandese, il cielo striato di luci verdi in occasione della terza edizione di Equilibrio Festival. Per due settimane ogni giorno, dal 10 al 26 febbraio, ballerini, musicisti, artisti danesi, svedesi, finlandesi, norvegesi, islandesi saranno i protagonisti di spettacoli, concerti, proiezioni, mostre, performance di light and visual art and sound.

L’organizzazione di Equilibrio Festival Aurora Boreale a Roma

Alla presentazione di Equilibrio Festival, che vede come direttore artistico Roger Salas, c’erano i cinque ambasciatori dei paesi protagonisti del Festival accanto al vicesindaco Luca Bergamo e ad Aurelio Regina e José Ramòn Dosal della Fondazione Musica per Roma, perché Equilibrio Festival Aurora Boreale a Roma è realizzato grazie alla collaborazione delle cinque ambasciate dei paesi del nord Europa, dal Nordic Council of Ministers e dal Nordisk Kulturfond, dalla Danish Art Agency e da Visit Finland.

Zero visibility Equilibrio Festival 2019 (Foto di Antero Hein)
Zero visibility Equilibrio Festival 2019 (Foto di Antero Hein)

I sei spettacoli di danza

Da non perdere l’apertura di Equilibrio Aurora Boreale a Roma, domenica 10 febbraio alle 18, un evento che vede protagonista Mats Ek, celebre coreografo e regista svedese, che aveva dato l’addio alle scene nel 2016 e invece torna, accompagnato dalla moglie Ana Laguna e da Yvan Auzely, danzatore francese, per comunicare “l’anima attraverso il corpo” lungo il filo dei ricordi con due coreografie Memory e Axe e un video, Old and Door, dedicato alla madre Birgit Cullbert fra le pioniere della danza moderna.
Il 12 sale sul palco la Norvegia con Ina Christel Johannessen, fra le coreografe norvegesi più conosciute, considerata una sperimentatrice che “esplora gli opposti in continuo cambiamento”. Crea le sue coreografie che rimandano a temi di attualità che mette in scena con la sua compagnia Zero Visibility Corp. spesso in collaborazione con artisti non solo norvegesi, come in Frozen Songs che vede la partecipazione dei video artisti cinesi Feng Jiangzhou e Zhang Lin.
Il coreografo e danzatore svedese Pontus Lidberg presenta Siren il 14 alla sala Petrassi, già autore di magnifici film di danza filmata, utilizza i filmati e li fa dialogare, in questo spettacolo, con il corpo di danza del Danish Dance Theatre.
Non è casuale il titolo Brothers per la coreografia del finlandese Alpo Aaltokoski in scena il 17 febbraio, infatti l’artista dal 1994 ha scelto di sviluppare nei suoi spettacoli il tema della solidarietà oltre che sviluppare la missione pedagogica in progetti nei paesi in via di sviluppo.
Il 20 febbraio l’ensamble Frikar del norvegese Hallgrim Hansegard dialoga con il violinista Andris Hemsing in Gotoguta dove viene rivisitata la halling, danza tradizionale di coppia o individuale, interpreta nello spettacolo da tre danzatori uomini.
Ultimo spettacolo dell’ Equilibrio Festival: Protagonist, il 26 febbraio, di Jefta Van Dinther con la storica compagnia svedese Cullbergbaletten, sul palcoscenico si intrecciano passi e canzoni tra moti di individualismo e spinte all’aggregazione.

SIREN di Pontus Lidberg Equilibrio Festival 2019 (Foto Paul Kolnik)
SIREN di Pontus Lidberg Equilibrio Festival 2019 (Foto Paul Kolnik)

Proiezioni, libri e molto altro ancora

Non solo danza nelle due settimane dell’ Equilibrio Festival Aurora Boreale a Roma ma anche musica, conferenze e conversazioni che hanno come oggetto la danza dei paesi del nord Europa e la sua influenza sul panorama europeo, e poi proiezioni, perché il cinema di danza ha una ricca produzione nei paesi nordici,.
Ai più piccoli sono dedicati gli incontri al bookshop dell’Auditorium realizzati per invitare i giovani lettori alla scoperta della letteratura nordica.
E non si può lasciare l’Equilibrio Festival, tra una coreografia e una light performance, senza aver fatto prima una sosta golosa per assaggiare i sapori nordici, ideati dalla chef stellata Cristina Bowerman, al Kone ApeeRomeo.

Nicoletta del Pesco
(7 febbraio 2019)

Leggi anche:

Nordic Film Fest: film, masterclass e cibo dal grande nord

Cinema nordico a Roma: tutto il meglio del genere noir e crime

Norvegia: in Italia mi sento libero