Fotoracconto: siamo tutti cittadini di Roma

Domenica 11 maggio via dei Fori Imperiali, a Roma, si è tinta dei mille colori di Ramazza Arcobaleno, la maniFESTAzione promossa per il terzo anno consecutivo dal MASCI Lazio in collaborazione con tredici associazioni per spazzare via le disuguaglianze.

Ramazza Arcobaleno, la manifestazione a Roma per spazzare via le disuguaglianze. Il muro costruito da volontari e bambini riporta le scritte: immigrazione, indifferenza, disprezzo, povertà, egoismo

Grandi e piccini hanno costruito i mattoni con cui è stato eretto il muro di una simbolica città dell’accoglienza. Capitale dell’incontro e del dialogo, crocevia di storie ed esperienze, tradizioni, sapori e giochi. C’è tutto il mondo a Roma, il bello è scoprirlo, insieme.

Durante Ramazza Arcobaleno, manifestazione per la cittadinanza, Grandi e piccini hanno costruito insieme i mattoni con cui è stato eretto il muro di una simbolica città dell’accoglienza.

I bambini hanno disegnato la società che vorrebbero: dove l’amicizia e l’uguaglianza non sono più ostacolate da pregiudizi e leggi che impediscono ai loro compagni di fare sport, viaggiare, sentirsi a casa nel paese dove sono cresciuti. Sul retro dei fogli la petizione scritta dai piccoli per chiedere al Parlamento di riconoscere ai bambini nati o cresciuti in Italia il diritto di cittadinanza.

I bambini hanno firmato con i loro disegni le petizioni da consegnare al parlamento per chiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana per tutti i bambini nati o cresciuti in Italia il diritto di cittadinanza.

Nel 2013 la petizione fu accolta con favore dal Presidente della Repubblica e registrata dalla Commissione affari costituzionali. Quest’anno 10 municipi della capitale hanno risposto all’invito dei promotori di Ramazza Arcobaleno per riconoscere la cittadinanza onoraria ai bambini nati o cresciuti in Italia.

Due donne si abbracciano e sorridono durante Ramazza Arcobaleno

Ma nonostante le numerose battaglie portate avanti in questi anni e le proposte di legge di iniziativa popolare presentate attraverso la campagna l’Italia sono anch’io chi nasce o cresce in Italia, chi qui studia, lavora e paga le tasse… continua ad essere considerato straniero.

Uno dei cartelloni esposti durante ramazza arcobaleno spiega: 1 cittadino su 13 è straniero, 1.000.000 sono i minori, 1 studente su 12 è straniero, 1 lavoratore su 10 è straniero, 1 matrimonio su 20 è tra stranieri, 1 italiano su 3 non affitta ad immigrati

L’Italia è ancora ferma, gli italiani no. Si incontrano, suonano e ballano. Mescolano i suoni del mondo…

Musicisti provenienti da diversi paesi suonano insieme le percussioni durante Ramazza Arcobaleno

…Portano con sé danze di luoghi lontani…

Danze dal Camerun durante Ramazza Arcobaleno

Tradizioni

Ragazze indossano abiti tradizionali durante Ramazza Arcobaleno, la manifestazione che intende promuovere una nuova legge sulla cittadinanza

…Vanno alla scoperta delle altre culture, avvicinano i continenti

L'esibizione del gruppo Afrodanza di Barbara Mousy durante Ramazza Arcobaleno

Incrociano sguardi, per imparare dall’altro ad abbracciare nuove prospettive.

Ramazza Arcobaleno. Artisti, associazioni e cittadini in piazza per spazzare via le disuguaglianze e chiedere una nuova legge sulla cittadinanza

Gli italiani abbattono il muro dell’indifferenza. Perché non ci sono barriere nel paese che vogliamo.

Grandi e piccini abbattono il muro dell'indifferenza durante la manifestazione Ramazza Arcobaleno

Guarda la galleria completa in alta risoluzione su Flickr

Foto: Adriano Di Blasi
Testi: Sandra Fratticci
(15 maggio 2014)

Leggi anche:
Cittadinanza onoraria per 1500 bambini stranieri del Municipio II di Roma
Discriminazione nei tornei bowling: fuori gli stranieri
INSIEME PER LO IUS SOLI Zalab lancia l’appello e presenta Italeñas