Roma Capitale Umana in piazza in difesa dei diritti umani

La capitale antirazzista schierata a Piazza Vittorio

Almeno 2000 persone hanno partecipato questa mattina alla manifestazione “Roma capitale umana” organizzata a Piazza Vittorio dall’Associazione Genitori della scuola Di Donato, in prima linea da 15 anni  per la promozione dell’inclusione sociale e del dialogo interculturale, alla quale hanno partecipato molti altri istituti scolastici e associazioni del territorio.

Un momento del presidio

“I diritti umani non sono un privilegio”. “Aprite i porti per aprire i cuori” i cartelloni disegnati dai bambini della scuola, coinvolti nella mobilitazione dai loro genitori, prendono posizione e si schierano per questa parte di città che non accetta gli effetti del decreto sicurezza a partire dalle famiglie di immigrati e dei bambini che frequentano stabilmente la Di Donato.

Uno dei cartelloni della manifestazione Roma Capitale Umana

“Questa è la Roma che resiste e che si oppone – ha detto Alessandro Natali dell’Istituto Comprensivo di via dei Sesami, a Centocelle – non solo al decreto Salvini ma anche a chi governa questa città e non fa nulla per contrastarne gli effetti diventandone complice”.

Le barchette costruite dai bambini per portare in salvo i migranti

Ma alle proteste, in una piazza Vittorio  inondata di sole, hanno fatto da contraltare la musica della Stradabanda e dell’orchestra di Tor Pignattara e il flash mob dei bambini che hanno cantato : “Roma accogliente, multiculturale, Roma ama il mondo, città solidale”.

Francesca Cusumano

leggi anche:

Scuola e alunni stranieri: imparare dalla multiculturalità 

Educare al dialogo interreligioso

Intercammini, attraversando Roma e le sue realtà multietniche