Un migrante per amico al centro estivo per i bambini terremotati

Joy Summer Camp è un centro estivo molto particolare. Nasce nel 2017 dalla onlus Sport Senza Frontiere per accogliere bambini e ragazzi dei territori del centro Italia, colpiti dal terremoto del 2016 che vivono ancora oggi situazioni di disagio, nella prossima edizione si rivolgerà anche ai figli delle famiglie sfollate dopo il crollo del ponte di Genova. 

I “tutor” migranti dal Gambia e dall’Egitto

L’altra particolarità di Joy summer camp è quella di prevedere la presenza, accanto agli educatori, coordinatori e psicologi della Onlus, di ragazzi rifugiati e richiedenti asilo, seguiti da Sport Senza Frontiere e dalla Fondazione Vodafone grazie al progetto di inclusione sociale attraverso la pratica sportiva “Sport di prima accoglienza”.  Il progetto inserisce i ragazzi nei corsi sportivi multidisciplinari( running, atletica, calcio, nuoto, basket,volley, duathlon) delle associazioni sportive aderenti  alla rete solidale dell’associazione. Al termine del loro percorso di inclusione,  Sulyaman Senghore e Abdo Ageza, sono stati lo scorso anno per la prima volta al Camp come “tutor” soprattutto per la disciplina del running che è la loro specialità. Un’ esperienza di “buone pratiche” che riequilibra la narrazione pubblica tesa a giudicare la presenza dei migranti nelle nostre città solo come un peso per la collettività.  

Sulayman e Abdo insieme allo staff di Sport senzafrontiere

Sulayman ha  24 anni e viene dal Gambia  e Abdo ne ha 20 ed è egiziano. Oggi “grazie a dio” entrambi hanno trovato un lavoro e sono diventati indipendenti. Proprio per questo, forse, sentono il bisogno di restituire qualcosa degli insegnamenti che hanno ricevuto che li hanno portati all’autonomia in un paese tanto diverso dal loro dove erano arrivati da minori non accompagnati.

Un viaggio durato 2 anni

“Quando sono a Sport senza Frontiere – dice Sulayman sono sempre felice, non ho nemmeno nostalgia di casa. Qui ho ritrovato una vera famiglia e non penso ai momenti tristi che ho vissuto. Dunque per me passare le mie ferie con loro sarà soprattutto una grande festa. Il primo anno che sono andato al centro estivo  è stato un miracolo per me: ho avuto l’opportunità di diventare amico dei bambini. Ci siamo raccontati ognuno la propria storia fatta di momenti molto difficili: per me il viaggio dal mio paese durato 2 anni, con un anno passato in Libia, sei mesi in una prigione e altri sei a nascondermi prima di riuscire a fuggire e ad arrivare in Italia. Per loro il terremoto che ha distrutto le loro case e ucciso, in qualche caso, dei familiari. Abbiamo fatto un gruppo su what’s app – racconta con lo slancio di un bambino – e ci sentiamo sempre. Ora cominciano già a tempestarmi di messaggi per sapere in quale delle quattro settimane io sarò presente al campo per rivederci, ma ancora non so quando mi daranno le ferie.”

Sulayman alla maratona di Roma

Sulayman ha trovato un posto fisso in un’agenzia di pulizie, lavora da mezzanotte alle sei, ma sogna di fare il pasticciere. “Dalle quattro alle nove seguo un corso di pasticceria nel laboratorio di un mio amico che mi insegna a fare dolci, cornetti, la crema chantilly: tutte cose buonissime che un giorno vorrei riuscire a preparare e vendere”.

Abdo, il runner pizzaiolo

Quella di Abdo è la storia di un “self made boy”. Un ragazzo che si è fatto da sé. A 13 anni Abdo lavora nei cantieri edili con il padre a Tanta, una città a cento chilometri a nord del Cairo. Guida i camion che trasportano la sabbia. Un giorno però il suo camion viene investito da un pullman turistico e nello scontro muoiono 8 americani e 21 altri passeggeri restano feriti. Per Abdo il lavoro finisce lì. Il padre decide di farlo partire e lo mette su un barcone in partenza per l’Italia, spera che il suo ragazzo possa trovare un nuovo lavoro per mandare soldi alla famiglia. Nel maggio 2013 il ragazzo arriva a Reggio Calabria come minore non accompagnato e subito viene inserito in una casa famiglia nella regione. Poi si trasferisce nella Casa Famiglia l’Approdo di Roma, dove resta fino ai 18 anni. Intanto comincia a correre. E’ un talento naturale che scopre di avere, casualmente, correndo per la strada. Attraverso Alberto Pietromarchi, membro dell’associazione Luconlus arriva a Sport Senza Frontiere e comincia ad allenarsi seriamente: due volte alla settimana allo Stadio dei Marmi. Partecipa a molte gare e le vince.

Abdo in un “allungo” che mette in mostra la potenza dei suoi muscoli

Raggiunta la maggiore età,  deve uscire dalla casa famiglia e affrontare il mondo. Oltre ad allenarsi sui campi sportivi, ha seguito un corso da pizzaiolo ed è molto bravo. Comincia a lavorare in varie pizzerie come aiutante,  poi quest’anno la svolta: una nuovissima pizzeria a Roma Nord lo assume con un contratto a tempo indeterminato, grazie al quale ottiene il rinnovo del permesso di soggiorno. “Preparo impasti diversi, con la canapa, i multicereali e quelli con la farina normale – dice – e sono davvero contento. Joy è stata una bellissima esperienza, ci torno perché Sport senza Frontiere è la mia famiglia italiana e poi mi fa piacere vedere i bambini che giocano felici. Io li seguo nell’atletica, ma anche li controllo quando devono andare a letto e a lavarsi i denti”.

Clayton, altro tutor del campo del Terminillo, con i ragazzi

Joy summer camp che si svolge al Terminillo in provincia di Rieti dal 16 giugno al 13 luglio, ha il patrocinio della Regione, del CONI,  della Corte dei Gentili e di tutti i comuni della zona coinvolta dal sisma. Nella scorsa edizione ha ospitato ogni settimana un  massimo di 60 partecipanti per un totale di  200 bambini e ragazzi dai 7 ai 17 anni provenienti da Amatrice, Arquata del Tronto, Accumoli, Acquasanta Terme, Macerata, Montereale, Pieve Torina, Cagnano Amiterno, Ussita, Visso.

 

Francesca Cusumano

                                                                                                      9 aprile 2019

leggi anche:

First Aid Sport per i ragazzi rifugiati

Liberi Nantes, al via il nuovo progetto per le donne migranti

Ius soli sportivo