Contro la marginalità: continuità educativa famiglia scuola

aaapant“Per evitare abbandoni, emarginazione e marginalità degli alunni stranieri si auspica la continuità educativa fra famiglia e scuola” ha dichiarato Francine Rosenbaum intervenuta giovedì 22 gennaio a Roma, all’Istituto comprensivo Mazzini, all’incontro La migrazione familiare e il blocco nell’apprendimento della seconda lingua degli alunni stranieri, organizzato da Piuculture.

Nella scuola i bambini, o i fratelli maggiori, assumono spesso il compito di traduttori, questa posizione è delicata e comporta un grande rischio per l’equilibrio familiare e sociale. Se il traduttore è il ragazzo, questo ruolo stravolge le gerarchie generazionali nelle famiglie e quelle del dominio del sapere nella scuola, con genitori e insegnanti in situazione di dipendenza e senza possibilità di svolgere l’autorità genitoriale e pedagogica. Il sapere supposto che i figli attribuiscono ai genitori non esiste più. Il dominio delle due lingue mette l’allievo in posizione patogena rispetto alle conseguenze nello sviluppo cognitivo, e quindi psichico, andiamo al di là del problema dell’italiano, diventa un problema di identità. Viene svalutata la credibilità di adulti siano essi genitori e/o operatori scolastici. Gli incontri scuola famiglia si trasformano in esperienze di umiliazione.

I frequenti conflitti fra genitori e insegnanti comportano la necessità del mediatore linguistico culturale che favorisca la dinamica interna e apra alla convalida rispetto alle nuove proposte. Il mediatore realizza continuità operativa fra famiglia e scuola attraverso il riconoscimento reciproco. I genitori vengono riconosciuti come competenti, invece se non sono considerati voci di riferimento, sono di fatto squalificati dalle istituzioni scolastiche e di conseguenza viene resa impossibile la condivisione degli obiettivi scolastici

La sfida è riuscire ad ascoltare, in presenza dei ragazzi, chi ha portato la famiglia e l’alunno in una scuola diversa da quella frequentata dai genitori, su questa narrazione si può ricostruire: la comunicazione porta a un processo reciprocità e resilienza.

Lia Ghisani e Francine Rosenbaum all'incontro
Lia Ghisani e Francine Rosenbaum all’incontro “Linguaggio e Migrazioni” organizzato da Piuculture

In sintesi si tratta di ripensare l’accoglienza degli alunni stranieri nelle scuole:

–       attivando risorse della lingua materna: incontri con mediatori dove operatori e genitori si presentino con il loro nome, con il ruolo e con la propria storia affinché si  attui una condivisione rispettiva per trovare soluzioni comuni alle problematiche dei ragazzi. Si arriva così alla riappropriazione delle risorse reciproche grazie all’incontro narrativo

–       con il riconoscimento attivo del ruolo fondamentale della lingua materna

–       con la conferma dell’autorità genitoriale grazie alla mediazione linguistica e culturale

 “Una frustrazione linguistica diventa sociopatia,” conclude Francine Rosenbaum “la soluzione è la prevenzione, che ha un costo – quello del mediatore che mette in comunicazione scuola e famiglia – che ne fa risparmiare altri più onerosi: psicologo, logopedista, ecc. Si tratta di un esborso di molto inferiore a quello generato dalle turbe linguistiche e sociali che comporta il misconoscimento della lingua madre. La scuola è lo spazio fondante per l’integrazione, che passa attraverso la narrazione, dove ognuno possa condividere con gli altri le proprie specificità interculturali”.

Nicoletta del Pesco

(28 gennaio 2015)

Leggi anche…

Ritrovare le parole: lingua-materna-e-italiano-l2

La buona scuola: si aggiunge un capitolo sugli alunni stranieri

A. Allerhand: la scuola cambia, dai tagli agli alunni stranieri

Rete Scuolemigranti: la costruzione di una buona scuola

Sei dei nostri? Opportunità di integrazione nella scuola