Edicola Eastwest, la piccola “agorà” del quartiere Cavour

edicola eastwest
Fonte Facebook @edicolaeastwest

Passeggiando sul lungotevere, nei pressi di Piazza Cavour, ci si imbatte in una delle tante edicole romane. Eppure, dando un’occhiata più da vicino, ci si rende conto che, questa in Lungotevere dei Mellini 5B, non è un’edicola come  le altre. A rinnovare il concept di questo luogo è stato Giuseppe Scognamiglio, direttore di Eastwest, giornale di geopolitica internazionale.

Un punto di riferimento per il quartiere

Replicando l’esperimento di un economista parigino, Scognamiglio intende offrire servizi che vanno al di là della semplice vendita di giornali. Sono a disposizione raccolta di pacchi e lettere, consegna a domicilio di riviste e in generale tutte le prestazioni che possano colmare lacune organizzative del quartiere. Radicata sul territorio e aperta ai residenti, l’edicola vuole diventare un punto di riferimento per tutta la comunità e il luogo più fornito in stampa internazionale di tutta Roma. A detta del direttore, l’edicola ha lo scopo di trasformarsi in una piccola “agorà”: un luogo piacevole e di alto livello, in grado di dare qualcosa in più a chi vive nei dintorni e non solo.

Giuseppe scnamiglio e l'edicola
Fonte: Instagram @edicolaeastwest

L’incontro del sabato mattina

Una delle iniziative chiave dell’edicola EastWest è il cosiddetto “Incontro del sabato mattina”. Nato come una rassegna stampa informale tra amici ad un caffè, è divenuto un appuntamento fisso, a cui partecipano piccoli gruppi di persone e molti curiosi di passaggio, per poter discutere di attualità e offrire spunti di riflessione e dibattito. I temi riguardano perlopiù la politica estera e il cambiamento degli scenari internazionali. “Nonostante ci siano fra gli spettatori anche personaggi di spicco della società che passano di lì, speriamo che il pubblico sia sempre più numeroso” dice Scognamiglio. Le prospettive future infatti sono quelle di rendere l’appuntamento un incontro più strutturato, che possa accogliere un pubblico numeroso per presentazioni di libri o riviste, il tutto sotto autorizzazione comunale.

eastwest rivista
Fonte: Eastwest.com

Un feedback positivo

Sebbene sia nata da poco, questo progetto ha già attirato l’attenzione di molti residenti e professionisti del quartiere. Dagli autori indipendenti che offrono i libri più venduti del mese al professore universitario che si offre di intervenire ad un incontro del sabato o alla parrucchiera in cerca di una partnership per intercettare clienti, la comunità è piuttosto animata. Molti sono perfino disposti a finanziare economicamente l’iniziativa, investendo sull’apertura di edicole simili in altri quartieri, sempre sull’esempio parigino.

Il team dell’edicola Eastwest

La selezione del personale non è stata facile, perché ero in cerca di persone che sapessero cosa vendevano e fossero in grado di consigliare i clienti e di informarli su genere, orientamento politico e/o argomenti di ciascuna rivista o libro”. Presso l’edicola Eastwest accolgono  il pubblico una giovane laureata e un uomo che ha lavorato per ben diciassette anni in una libreria, ma il team non si esaurisce qui. Si aggiungono anche il direttore, i responsabili di marketing per la pubblicità, i web manager che curano il sito e i social, e soprattutto i lavoratori dell’Eastwest European Institute, che si occupano di formazione in carriera internazionale ed editoria.

Giulia Maiorana
(1 Aprile 2019)

Leggi anche:

Un giornale, in albanese, per battere i pregiudizi

Hu Lambo: il giornalismo di Cina in Italia come ponte interculturale

Viale delle Province 196: Rafael e il progetto della biblioteca nel palazzo occupato