VECCHIE GLORIE DELLA AS ROMA CONTRO I RIFUGIATI…PER SPORT

Domenica 11 ottobre gli ex campioni della AS Roma incontreranno i rifugiati della Liberi Nantes sul campo XXV Aprile
Domenica 11 ottobre gli ex campioni della AS Roma incontreranno i rifugiati della Liberi Nantes sul campo XXV Aprile

Bene le leggende de La Magica, l’AS Roma, ottime le partite di calcio tra le squadre del quartiere, ma uno dei momenti più attesi di domenica 11 ottobre al campo XXV aprile non saranno i calciatori. O meglio, non solo. L’applauso più grande forse sarà per i 30 ragazzi, rifugiati, che hanno fatto un lavoro straordinario risistemando il malconcio campo XXV aprile. Lì giocano tutto l’anno altri ragazzi che hanno storie simili alle loro. Sono i ragazzi di Liberi Nantes che domenica sfideranno gli ex calciatori della squadra As Roma, la Roma Legends del francese Vincent Candela. L’evento oltre il gioco. #IoCiSono è voluto proprio dalla Onlus Roma Legends, Sisal Matchpoint e Roma Cares.

Il campionato di terza categoria dei Liberi Nantes – associazione dilettantistica che al motto di Free to play, liberi di giocare, garantisce l’accesso allo sport ai ragazzi rifugiati e richiedenti asilo – inizia il 18 ottobre. Intanto la squadra di calcio composta da una rosa di circa trentacinque ragazzi si allena. “Abbiamo fatto una rosa di così ampia perché alcuni lasciano o non possono allenarsi” afferma Alberto Urbinati, vicepresidente di Liberi Nantes “Vengono dai centri di Castelnuovo di Porto, Tivoli, Guidonia, San Michele e non solo”. Visto che le richieste sono tante e non possono tesserare tutti “abbiamo realizzato l’Open Team, un gruppo di ragazzi che si incontrarono e giocano tra di loro il sabato”.
Sarà la squadra Liberi Nantes a sfidare gli ex della AS Roma, domenica intorno alle 15. La mattina ci saranno amichevoli tra le squadre di quartiere. Pranzo che rispetta tutti i gusti: vegani, musulmani e molto altro.

Prima dell’appuntamento clou però scenderanno in campo i trenta ragazzi che in tre mesi hanno sistemato alcune strutture del campo di calcio XXV aprile. Alberto aveva confessato in passato a Piuculture che una delle esigenze della squadra era risistemare gli impianti. “Quello svolto dai trenta ragazzi non è una rinfrescata, ma un lavoro di manutenzione straordinaria. Un lavoro che ha una grande valenza. I ragazzi non sono stati fermi nei centri, come spesso accade, ma hanno partecipato a un progetto. Si sono sentii utili ed hanno dato un grosso contribuito a ragazzi che hanno storie uguali alle loro”. A loro domenica andrà l’applauso più grande. Ed allora appuntamento a domenica nel quartiere di Pietralata a Roma, per la precisione via Marica 80.

Fabio Bellumore
(08 ottobre 2015)

Leggi anche: