Rom e sinti: la Giornata mondiale in dieci anni di storie

Foto di Joakim Eskildsen. La Giornata mondiale del popolo rom raccontata attraverso gli articoli di Piuculture

L’8 aprile di ogni anno ricorre la Giornata mondiale del popolo rom e sinti, “Romano Dives”, un evento che cerca di restituire dignità ad una comunità da sempre discriminata e di esorcizzare i pregiudizi nei confronti dei suoi membri. La redazione di Piuculture è da sempre impegnata nel dar voce ai tanti rom e sinti spesso relegati ai margini della società, ma anche a coloro che sono stati di in grado di integrarsi. Per celebrare la Giornata mondiale del popolo rom Piuculture presenta una raccolta di articoli utili a scoprire diversi aspetti della cultura rom e sinti.

Romano Dives: quando e come nasce la Giornata

La “Romano Dives” venne istituita ufficialmente nel 1990, in seguito al quarto Congresso mondiale del popolo rom e sinti. Durante il primo Congresso Mondiale tenutosi a Londra nel 1971 venne legittimato l’inno Gelem Gelem, una canzone scritta nel 1949 da Žarko Jovanović e che fa riferimento al Porrajmos, lo sterminio nazista di rom e sinti. Nella stessa occasione fu consacrata la bandiera ufficiale: un rettangolo con sfondo per metà azzurro e per metà verde, a simboleggiare rispettivamente cielo e terra, al centro del quale vi è una ruota come metaforico richiamo al nomadismo. La novità più rilevante fu la nascita dell’Unione mondiale di rom e sinti che nel Congresso Mondiale del 1978 venne rinominato IRU, International Roman Union.

Rom e sinti attraverso le parole: gli articoli di Piuculture

Rom e sinti: le donne, storie di vita e attivismo

Rom e sinti: giovani, scuola e solidarietà

Rom e sinti: cucina e tradizione

Rom e sinti: vita nel campo, sgomberi e attività a sostegno

Rom e sinti: cosa si racconta di loro?

Giada Stallone
(8 aprile 2020)